.
Annunci online

  sicilianticasantangelo [ ]
         


7 aprile 2010

S.ANGELO DI BROLO – TUTELA ARCHEOLOGICA

 

La Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Messina ha sottoposto a tutela archeologica le località Lisicò, Monte Castelluccio, Monte Fossa della Neve e Piano Croce ricadenti nel territorio del comune di S.Angelo di Brolo.

Tutti i progetti e gli interventi di trasformazione in detti luoghi (nuove costruzioni, realizzazione strade private) anche di tipo agricolo, dovranno essere trasmessi dall’Ufficio Tecnico alla Soprintendenza per il parere di competenza.

Con il provvedimento a firma del Soprintendente Arch. Rocco Scimone e dal direttore del Servizio Archeologico Dott.ssa Gabriella Tigano si comunica, inoltre, di avere appreso dagli organi di stampa che il Dipartimento di Storia dell’Università di Lancaster ha deciso di promuovere una ricerca su Focerò. Nel rappresentare che nulla osta alla collaborazione con Università italiane o straniere, si specifica che tali collaborazioni, siano esse relative a scavi archeologici o ricognizioni sul terreno, devono essere eseguite a norma di legge, pertanto devono essere precedute dalla stipula di una convenzione tra l’ente richiedente e la Soprintendenza, previa autorizzazione del superiore Assessorato ai beni culturali e dell’Identità Siciliana.

L’argomento è stato discusso durante un incontro fra gli Amministratori del comune di S.Angelo di Brolo e i rappresentanti della locale sede di SiciliAntica.




permalink | inviato da sicilianticasantangelo il 7/4/2010 alle 14:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



7 aprile 2010

L'ANGIOLETTO

 





permalink | inviato da sicilianticasantangelo il 7/4/2010 alle 14:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



7 aprile 2010

IL PROF. IGNAZIO BUTTITTA A S.ANGELO DI BROLO

 

Domenica 20 dicembre 2009 si è svolta nel teatro “Achille Saitta” di S.Angelo di Brolo l’iniziativa culturale “simboli e riti della religiosità tradizionale: u battiu”, organizzata dalla locale sede di SiciliAntica. Il Vice Sindaco Gianni Giuffrè ha portato il saluto dell’Amministrazione Comunale. A conclusione dell’intervento ha consegnato al Prof. Buttitta una targa ricordo e il libro “Terra di S.Angelo”. A fatto seguito l’intervento dell’Arciprete Don Giuseppe Gaglio che ha definito la ricorrenza del “ battiu”, che si svolge da epoca remota il 6 gennaio di ogni anno in occasione della festa dell’Epifania, un fondamento nella liturgia orientale basiliana. Il Dott. Nicolò Fazio, sottolineando preliminarmente di essere stato uno dei promotori della sede di SiciliAntica, si è soffermato sulla simbologia dell’alloro. Ha evidenziato che nel passato, in Chiesa durante la celebrazione e all’esterno alla fine del rito, l’alloro legato a grandi fasci veniva utilizzato in una sorta di “lotta rituale”, che coinvolgeva molti fedeli provenienti soprattutto dalle campagne. Il Dott. Roberto Motta ha sottolineato che la festa contribuisce a rafforzare l’identità della comunità santangiolese, evidenziando la peculiarità della presenza del bimbo “angioletto” nella celebrazione. Sono inoltre intervenuti per Siciliantica il Segretario Avv. Basilio Segreto, il Dott. Davide Siragusano, che ha coordinato gli interventi, e la Prof. Carmela Messina che ha presentato i documenti e le immagini proiettati e letto alcune recite tradizionali.

Il Prof. Buttitta ha positivamente commentato l’iniziativa definendola utile per ricostruire un evento particolarmente importante, manifestando l’interesse della Fondazione Buttitta per la tutela e valorizzazione della festa, possibilmente attraverso gemellaggio con Siciliantica. Ha ricordato di essere stato nel comune nebroideo nel 1992 e di avere raccolto immagini ed interviste che gli consentirono di inserire la festa nella pubblicazione “La memoria lunga”. Ha paragonato la ricorrenza di S.Angelo alle feste primaverili di Troina, Cerami, Gagliano e a quella autunnale di Tortorici, dove l’elemento vegetale dell’alloro viene consacrato al Santo protettore. Concludendo ha definito il profilo della festa ben delineato: un rituale arcaico che lega insieme cerimonie cristiane e riti antichi.

Il Presidente Arch. Giuseppe Natoli ha ribadito che la festa del “battiu” rientra fra le eredità culturali immateriali riconosciute dalla Conferenza Generale UNESCO, definiti a ragione “Tesori Umani Viventi”. Per tutelare, conservare e valorizzare il rito di origine basiliana ha proposto di chiedere l’iscrizione della ricorrenza nel Registro delle Eredità Immateriali della Regione Siciliana.


S.Angelo di Brolo - Teatro Achille Saitta - 20 dicembre 2009
Simboli e riti della religiosità tradizionale: U Battiu
La Prof. Carmela Messina, l’Arch. Francesco Pintaudi, il Dott. Davide Siragusano,
l’Avv. Basilio Segreto, il Dott. Nicolò Fazio, l’Arch. Giuseppe Natoli e il Prof. Ignazio Buttitta

 

S.Angelo di Brolo - Teatro Achille Saitta - 20 dicembre 2009
Simboli e riti della religiosità tradizionale: U Battiu

 




permalink | inviato da sicilianticasantangelo il 7/4/2010 alle 12:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     dicembre        dicembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom